fbpx

Campagna di influencer marketing: cos’è e perchè funziona

Se sei iscritto a Instagram e utilizzi spesso l’app per condividere i tuoi scatti con gli amici, probabilmente ti sarà capitato di notare che i personaggi più famosi e seguiti spesso promuovono prodotti aziendali attraverso la propria gallery. Si tratta di un fenomeno ben preciso che si chiama influencer marketing.

Protagonista di articoli su giornali e portali online, l’influencer marketing è spesso al centro di studi e indagini statistiche. Uno dei più recenti è il report sull’influencer marketing di Talkwalker,realizzato su un campione di 823 soggetti sparsi in tutto il mondo. Tra i dati più interessanti emerge che l’influencer marketing è una delle priorità di brand e agenzie di comunicazione e rappresenta un fenomeno in forte crescita.

Con il post di oggi cercheremo di fare chiarezza e di capire perché chi si occupa di inbound marketing  e di Social Media Marketing e lavora con qualsiasi tipo di azienda dovrebbe pianificare una campagna di influencer marketing.

Influencer marketing: definizione

Campagna di influencer marketing Instagram

Come dice la stessa espressione, una campagna di influencer marketing è per definizione una forma di marketing che si basa sul coinvolgimento di un influencer da parte di un’azienda, con una finalità di tipo commerciale. Si tratta, nello specifico, di attività studiate in linea con una strategia di digital marketing molto più ampia.

Cosa accade in concreto? L’azienda, per conto del proprio social media manager, sceglie con cura blogger e influencer e instaura un accordo di tipo economico per la produzione di contenuti che avranno come protagonista il servizio/prodotto dell’azienda. Questi contenuti mostreranno sostegno o approvazione e verranno diffusi sul web (blog e social network). Il risultato di questa attività online genererà conseguenze positive per il marchio, che guadagnerà in credibilità.     

Campagna di influencer marketing: gli attori coinvolti

Una volta chiarita la definizione di influencer marketing, è giunto il momento di analizzare nel dettaglio i soggetti e gli elementi coinvolti in una campagna di influencer marketing.

1.Il brand sarà il focus di una campagna di influencer marketing, che, se ben congeniata dal Social media Manager, potrà portare valore all’azienda e aumentarne la popolarità in rete. Questo risultato durerà nel tempo.

  1. Il canale di comunicazione prediletto per una campagna di influencer marketing è, ovviamente, il web, in particolare, blog e social network. Tra i social maggiormente coinvolti in una campagna di influencer marketing c’è Instagram, l’app più usata anche in Italia, che negli ultimi aggiornamenti ha inserito il cosiddetto contenuto brandizzato e ha implementato nuove norme per regolarizzare i contenuti sponsorizzati, con l’obiettivo di tutelare gli utenti e favorire la trasparenza.
  2. I follower sono i veri protagonisti dell’influencer marketing, perché formano la community intorno al brand e all’influencer. Sono gli utenti, o nel concreto, le persone che generano reale profitto.
  3. Gli influencer e i blogger rappresentano la nuova generazione dei testimonial: uomini e donne con la propria storia da condividere. Riconoscibilità ed emozioni rappresentano le parole chiave per riconoscere questi personaggi che giorno per giorno costruiscono la propria credibilità.

Abbiamo definito gli attori coinvolti in una campagna di influencer marketing, ma approfondiamo meglio l’ultimo concetto, il più importante. Sai che esistono gli influencer e i micro-influencer?

Blogger, influencer e micro-influencer

Influencer marketing in Italia

Blogger, influencer e micro-influencer sono persone qualunque che con il tempo hanno raggiunto una certa notorietà e un particolare seguito in rete.

Tra influencer e blogger esistono delle differenze.

Il blogger costruisce la sua credibilità online grazie alla propria attività di blogging, creando e pubblicando contenuti di qualità sul blog, il suo diario online. Ogni post verrà poi diffuso sui canali social collegati. Il blogger si riconosce subito perché ha un suo tono di voce in tutti i canali online e viene seguito da una community affezionata, che si è formata nel tempo e che è costituita dai lettori del blog e dai follower sui social.

L’influencer, al contrario, “nasce” sui social –Instagram, Facebook e Youtube- e costruisce la propria credibilità giorno per giorno, condividendo post in gallery. Il suo potere deriva dalla reputazione: l’influencer è molto seguito –il numero dei follower è superiore ai 50 mila- ed è in grado di influenzare le decisioni di acquisto altrui. Anche l’influencer crea contenuti e, lavorando sul coinvolgimento, costruisce intorno a sé una community. L’influencer risponde ai commenti dei follower, quando possibile e, in questo modo, annulla le distanze.

In definitiva, gli utenti seguono questa figura per il valore che offre, per i consigli, per la competenza riguardo al proprio argomento/settore e per la coerenza dimostrata. E ne sono indubbiamente affascinati, tanto da acquistare i prodotti che consiglia.

Il micro-influencer ha numeri inferiori rispetto agli influencer (tra i 10 mila e i 25 mila follower), ma lavora bene sulla propria nicchia di riferimento con un alto tasso di engagement. Comunica le proprie passioni e spesso non è consapevole del proprio valore. Il micro-influencer risponde sempre ai commenti e questo rende il pubblico fedele e affezionato. La fiducia e la popolarità vengono guadagnate giorno per giorno, al contrario di ciò che capita quando un vip sbarca sui social.

I micro-influencer rappresentano una grande risorsa per l’azienda e sono molto più economici rispetto agli influencer.

Sei curioso e vuoi conoscere meglio l’influencer marketing, i segreti e le sue dinamiche? Il Master in Web & Social Marketing è il corso che fa per te: sono aperte le iscrizioni per la nuova edizione che partirà a ottobre 2019. Sarai dei nostri? Chiamaci oppure scrivici sulla nostra pagina Facebook Infobasic Pescara